SEGUICI SU:

Benvenuto su Studio Sabrina Fattori.it! Questo sito usa i cookies per migliorare la tua esperienza.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Fondo Rotativo per il Piccolo Credito - Finanziamento a Tasso Zero

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

Cos’è

E’ un’agevolazione prevista dal Fondo rotativo per il Piccolo Credito della Regione Lazio e consiste in un   finanziamento  a tasso a zero e senza garanzie, che può variare da € 10.000   a € 50.000 e rimborsabile fino a un massimo di 60 mesi comprensivi di un eventuale periodo di preammortamento di massimo 12 mesi, in caso di finanziamenti di durata pari o superiore a 24 mesi. Il rimborso é a rata mensile costante posticipata. Possono essere ammessi al beneficio liberi professionisti e PMI con sede operativa nel Lazio e costituite da almeno 36 mesi.

Quali sono i beneficiari?

- Micro, piccole e medie imprese (MPMI)

- Consorzi e le reti di imprese con soggettività giuridica

- Liberi professionisti

Sono ammessi al beneficio tutti i soggetti sopra elencati purché non abbiano un’esposizione complessiva superiore a € 100.000 nei confronti del sistema bancario. Detti soggetti devono essersi costituiti da almeno 36 mesi. Per le imprese individuali e le società di capitali vale la data di iscrizione alla Camera di Commercio, per le società di persone vale la data risultante dall’atto costitutivo, mentre per i liberi professionisti vale quella di inizio attività indicata nel modello AA9/10.

Tra le condizioni necessarie è previsto che la sede operativa nel Lazio deve essere aperta almeno entro la data dell’erogazione del finanziamento.

Per quanto concerne i settori economici è previsto che l’attività prevalente deve essere compresa tra quelle di seguito classificate:

  • Sezione I – Settore manifatturiero e settore ad alta intensità di conoscenza (attività editoriali, produzione cinematografica, consulenza informatica, servizi finanziari e assicurativi, attività legali, servizi di contabilità, tour operator, istruzione, servizi sanitari, attività creative, attività bibliotecarie, attività di organizzazioni associative, ecc.)
  • Sezione II – Garanzie e accesso al credito (sezioni da B a U del codice Ateco 2007)
  • Sezione III – Riduzione costi energia PMI (sezioni da B a U del codice Ateco 2007)
  • Sezione IV

- Sotto sezione “Artigianato” (Imprese artigiane)

- Sotto sezione “Cooperazione” (Imprese cooperative e altre attività elencate nel Bando)

- Sotto sezione “Trasporto non di Linea” (Titolari di licenze Taxi rilasciate da un comune del Lazio)

- Sotto sezione “Turismo” (codice Ateco n. 55.10.00)

- Sotto sezione “Botteghe storiche” (Locali e botteghe storiche, botteghe d’arte e attività storiche.

Tipologie di spese ammissibili

Il piano di spesa può riguardare progetti che riguardano investimenti in attivi materiali e immateriali, spese per consulenze, finalità di copertura capitale circolante, nel rispetto dei limiti indicati nell’avviso, nonché progetti rivolti alla copertura di altre esigenze finanziarie d’impresa finalizzate al: rafforzamento delle attività generali dell’impresa; alla realizzazione di nuovi progetti; alla penetrazione di nuovi mercati; a nuovi sviluppi da parte delle imprese.

Nel dettaglio a titolo esemplificativo:

Investimenti materiali ed immateriali - (macchinari, attrezzature, arredi, hardware, software, piattaforme informatiche, applicativi digitali (es. APP) , siti internet, brevetti, licenze, know-how  o altre forme di proprietà intellettuale).

Capitale Circolante - (magazzino, liquidità, utenze, ecc...)

Opere murarie: - (acquisto di terreni e immobili, ristrutturazioni, impiantistica, ecc...)

Consulenze:(specialistica,studio di fattibilità, business plan ecc...).

Tempistiche

Le domande di richiesta del finanziamento possono pervenire esclusivamente on line sul sito www.farelazio.it dal 21 Settembre 2018 fino ad esaurimento delle risorse.

Sono ammissibili gli investimenti iniziati successivamente alla data di presentazione della domanda. L’investimento potrà essere realizzato entro 12 mesi dalla data di erogazione dell’ eventuale finanziamento.

Il Soggetto Beneficiario ha l’obbligo di rendicontare l’investimento effettuato, entro 2 mesi dalla data di completamento dell’investimento stesso. La rendicontazione deve essere trasmessa al Soggetto gestore tramite il portale www.farelazio.it .